Dieci domande per capire se il tuo sito web è professionale

checklist sito web professionale

Come creare un sito web aziendale

Quando si decide di creare un sito Internet per la propria attività ci si trova davanti a diverse possibilità sia tecniche sia di budget che non sempre rendono facile scegliere un fornitore.
Alcuni servizi online ci permettono di realizzare un sito web fai-da-te praticamente a costo zero, in altri casi ci si rivolge a un professionista o a una web agency, trovandosi anche in questo caso davanti a svariate opzioni anche di costo, spesso con differenze importanti alle quali non sempre chi non è esperto del settore riesce trovare una spiegazione.

Le caratteristiche di un sito Internet professionale

Indifferentemente dalla direzione scelta, ci sono alcuni requisiti che possono guidare nella costruzione di un sito web professionale. Dalle caratteristiche tecniche all’usabilità, dalla cura dei contenuti fino alle possibilità di marketing, vediamo quali sono le principali domande che bisogna porsi per capire se il proprio sito Internet aziendale è veramente efficace.

1) Il tuo sito è sicuro?

Sembra scontato, ma è importante assicurarsi di scegliere un servizio di hosting e dominio che garantisca la sicurezza dei proprietari del sito, ma soprattutto degli utenti. Questo ovviamente vale in particolar modo per gli e-commerce, ma in generale per tutti i siti che raccolgono qualsiasi tipologia di dato, fossero anche semplici indirizzi mail degli iscritti a una newsletter.
Affidarsi a un’agenzia web che abbia anche un buon livello di conoscenza informatica può essere la soluzione per liberarci di molti mal di testa.
Per questo, sapere di poter contare su un ottimo sistema di prevenzione, monitoraggio e un intervento tempestivo in caso di bisogno può essere un aspetto da non sottovalutare quando si valuta un fornitore.

2) Sei regola con la privacy?

Alla sicurezza informatica si lega il tema della tutela dei dati che gli utenti consegnano ai titolari del sito (ad esempio nella compilazione di un form di contatto) e quindi anche il rispetto della privacy, soprattutto con il nuovo GDPR. Un sito davvero professionale quindi tutela e garantisce i suoi visitatori, sia per quanto riguarda gli aspetti tecnici sia per il trattamento dei dati.

3) Il tuo sito è aggiornato?

Sul web si invecchia velocemente. È da mettere in conto che in pochi anni il nostro sito sarà ormai superato, sia dal lato informatico sia per lo stile grafico o magari perché nel frattempo sono cambiati gli obiettivi di marketing.
Dal lato tecnico, è buona norma assicurarsi che il proprio sito sia sempre aggiornato (versione del CMS, tema, plugin…) in modo da non rischiare incompatibilità e comprometterne la fruizione da parte dei visitatori. Un sito che utilizza tecnologie obsolete oltre a non essere usabile, rappresenta un danno per l’immagine dell’azienda e si allontana decisamente dalla definizione di “professionale”.

4) Il tuo sito è responsive?

La fruizione di Internet da dispositivi mobili è ormai pari se non superiore a quella da desktop, per questo è essenziale assicurarsi che il proprio sito web sia responsive, ovvero perfettamente navigabile anche da smartphone e tablet. Rispettare le regole per l’ottimizzazione da mobile è necessario per non tagliare fuori una gran fetta di potenziali visitatori, ma anche per non penalizzare la propria posizione sui motori di ricerca, poiché la navigazione da dispositivi mobili influisce sul punteggio SEO.

5) Il tuo sito è performante?

Un video che appare subito in home page, slider di grande impatto e tutti i plugin possibili. Il sito ti sembra bellissimo, se si aspettano quei pochi ma infiniti secondi di attesa perché si apra… Ma gli utenti su Internet non hanno pazienza e se il sito non si carica subito è altissima la probabilità che possano abbandonare la pagina per cercare altrove quello di cui avevano bisogno. Un sito veloce non solo fa contenti i visitatori, ma anche i motori di ricerca, poiché Google valuta con sempre più attenzione la performance delle pagine web.

6) Il tuo sito è amico di chi lo naviga?

Non è solo la velocità a influire sulla soddisfazione degli utenti. Alcuni siti visivamente accattivanti sono faticosi da navigare, diventando degli esercizi di stile più che strumenti al servizio del visitatore. A meno che il tuo business non sia il design puro, è necessario trovare un equilibrio tra gli aspetti estetici del sito e l’usabilità, con una struttura chiara, contenuti completi e guidando l’utente nel trovare quello che cerca (o magari quello che ti interessa fargli trovare).
Nella creazione di un sito web Internet è anche importante seguire le buone pratiche per l’accessibilità, per includere davvero tutti i visitatori.

7) Il tuo sito è dinamico e si aggiorna senza fatica?

Non finiremo mai di ribadire l’importanza dei contenuti in un sito che cresce nel tempo, che sia sempre utile, prezioso per gli utenti e che guidi i motori di ricerca nel farsi trovare per le parole chiave desiderate. Un sito internet dinamico può adattarsi a un business che cambia, essere modificato senza dover intervenire in maniera pesante sulla struttura e soprattutto può essere arricchito di contenuti in maniera facile e veloce. I CMS come WordPress nascono proprio per il blogging, ma sono diventati uno standard per la realizzazione di siti Internet proprio perché permettono di fare facilmente content marketing.

8) Il tuo sito è ottimizzato per i motori di ricerca?

Hai un sito bello, veloce, aggiornato ma non si posiziona. Hai usato le parole giuste per farti trovare? Un sito web davvero professionale non può trascurare la SEO. Un’analisi delle keywords giuste va fatta già in fase di progettazione, mentre nella realizzazione dei contenuti sono da seguire tutte le buone pratiche che aiutano Google a capire chi siamo e a farci apparire sui motori di ricerca proprio a quel pubblico dal quale vogliamo farci trovare.

9) Il tuo sito risponde agli obiettivi di business?

Ti sei chiesto perché hai deciso di fare un sito web? Se la risposta è “perché lo hanno tutti” con molta probabilità questo passo non aiuterà i tuoi affari.
Un sito web va costruito in base agli obiettivi: se devo trasmettere l’identità del mio marchio punterò su contenuti ricchi, sullo storytelling e suggestioni visive, mentre per scopi commerciali basterà una landing page .
Un sito web professionale è in primo luogo uno strumento di business, per questo gli obiettivi devono essere ben chiari e guidare la progettazione.

10) Il tuo sito si integra facilmente con la tua strategia di marketing (non solo digitale)?

Spesso si fa l’errore di considerare il marketing digitale estraneo alle dinamiche di promozione tradizionali. In realtà pensare la promozione di una qualsiasi attività per settori indipendenti è un grosso errore, soprattutto perché preclude le possibilità legate alle azioni che coinvolgono diversi canali.
Realizzare un sito web davvero efficace deve tenere conto delle strategie di marketing offline ed essere pronto a supportare le azioni che derivano sia dai canali tradizionali sia dal digital.

Se dopo aver letto questa lista ti sei accorto che il tuo sito internet non è poi così professionale, forse potresti trovare utile consultare una web agency. Il nostro studio digitale in provincia di Torino da sempre aiuta professionisti, enti ed imprese, grandi e piccoli, a sfruttare il web in maniera efficiente, creando siti Internet aziendali che rispondano in maniera positiva a questi requisiti.

, , ,
Articolo precedente
Come l’agenzia web può aiutare le piccole realtà locali
Articolo successivo
Cosa vuole dire “fare SEO”

Post correlati

Menu